L'editore con il cuore d'autore - Solo belle opere

Ho contato fino a cento

SKU 0227
EAN 9791281038172

15,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

Quantità massima acquistabile per il prodotto raggiunta

Vai al carrello

Acquista in modo sicuro

Pagamenti sicuri
Con carta di credito, bonifico o Paypal
Reso garantito
Entro 15 giorni dall'ordine
Solo belle opere
Scelte per voi
Parla con noi
Se hai domande, non esitare a contattarci

  leggi le recensioni (20)

Left information box

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisci elit, sed eiusmod tempor incidunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrum exercitationem ullam corporis suscipit laboriosam, nisi ut aliquid ex ea commodi consequatur. 

Center box

Quis aute iure reprehenderit in voluptate velit esse cillum dolore eu fugiat nulla pariatur. Excepteur sint obcaecat cupiditat non proident, sunt in culpa qui officia deserunt mollit anim id est laborum. 

Right information box

Quis aute iure reprehenderit in voluptate velit esse cillum dolore eu fugiat nulla pariatur. Excepteur sint obcaecat cupiditat non proident, sunt in culpa qui officia deserunt mollit anim id est laborum. 

Silvana Da Roit nasce nel 1960 a Domodossola, nella provincia del Verbano Cusio Ossola. Dal 2015 scrive articoli sul sito I racconti del viandante, storie della valle Ossola per parlare della sua terra.
Segue il Laboratorio di Scrittura Creativa di Stefania Convalle dal 2019, entrando poi a far parte del
Team che affianca l’editrice. Partecipa a due edizioni del Premio Letterario “Dentro l’amore” ottenendo buoni piazzamenti tra i finalisti. Ha pubblicato nel 2020 “I tunnel di Oxilla”, nel 2021
“Niente come prima” e nel 2022 “La scatola di latta”, editi da Edizioni Convalle; co-autrice, inoltre, dell’opera “La vita in uno scatto” con la stessa casa editrice.

Lasciare l’infanzia per entrare nell’adolescenza è una fatica immane.
Lo comprende anche Robinia - una ragazzina tredicenne, da poco orfana di padre e con un rapporto tutto da ricostruire con la madre – conscia di soffrire di strane allucinazioni che si
palesano nella figura di un angelo quantomeno originale. È lui a convincerla ad attingere a cento ricordi prima di affrontare la nuova età e squarciare il velo della solitudine che rischia di imprigionarla, spingendosi giù, nel profondo, alla ricerca di radici che altrimenti inaridirebbero, sentendone spesso il gusto amaro, malinconico, eppure, essenziale per il suo domani.